Vi starete chiedendo perché il coding a partire dalla scuola dell’infanzia…

Il coding aiuta i più piccoli a pensare meglio e in modo creativo, imparare a programmare condividendo i significati delle procedure scelte permette di imparare prima. Alla scuola dell’infanzia il fare in azione  e la discussione che nasce dal confronto di idee sviluppano il “pensiero procedurale” che serve per risolvere le situazione problematiche. Avviare un percorso di coding significa aiutare i bambini a divenire abili “programmatori di idee”.

Giovedì 26 aprile un gruppo di ragazzi  della Scuola Primaria di Sovere è venuto alla Scuola dell’Infanzia accompagnato dall’insegnante Manuela Zanni, per fare da maestri di coding  ai bambini di 5 anni della nostra scuola. I ragazzi della Primaria avevano portato con sé tanti BLUE–BOT (robottini) e alcuni cartelloni con percorsi da effettuare. I nostri bambini sono stati suddivisi in piccoli gruppi dove i ragazzi della primaria hanno  insegnato loro le funzioni  dei BLUE–BOT e come approcciarsi al percorso. Noi, insegnanti della Scuola dell’Infanzia, abbiamo potuto osservare le dinamiche messe in atto dai nostri bimbi, apprezzare l’impegno e l’attenzione nell’ascoltare quanto veniva a loro proposto. Grazie di cuore ai “maestri di coding “  Nilufar, Beatrice , Angelica, Aurora, Julia, Matteo, Pietro e all’insegnante Manuela Zanni.

 

Le sorprese non finiscono qui. Dopo pochi giorni arriva a scuola una scatola e dentro cosa c’è? …… Cubetto un piccolo robot di legno tutto per noi. Che entusiasmo! Con i bimbi grandi parte la nuova esperienza. Inizia la storia, attraverso un racconto guida e il pannello di controllo i bambini devono programmarlo e Cubetto è pronto a partire con noi per nuove avventure.

 

Ultimo aggiornamento: 15/05/2018 - Articolo visualizzato 182 volte